prima pagina lente pagina precedente



RIFLESSIONI
Tesoretto
Umberto Puccio


Oggi è scoppiata la grana del "tesoretto" incamerato dalla Protezione Civile con gli SMS di 2 euro mandati dagli italiani dopo il terremoto (o meglio, i terremoti) del Centroitalia: a farla scoppiare è stato il sindaco di Amatrice, Pirozzi, da un po' in polemica col suo Partito (il PD). Ad essere maliziosi, forse perché non gli è stato dato quel che gli era stato promesso...
Comunque sono arrivate "subito" le risposte della Protezione civile (a parole sempre velocissima!) che ha specificato chi ha deciso la destinazione di quel tesoretto di svariati milioni, la ripartizione tra le quattro Regioni interessate e i progetti finanziati.

Sta di fatto che ancora nulla è in fase esecutiva.
Sta di fatto che si continua a far confusione e poca chiarezza sul ruolo della Protezione Civile.
Si dice che tali soldi avevano come destinazione LA RICOSTRUZIONE. E qui si sfrutta la generosità, il solidarismo e l'altruismo degli italiani (che vedono nella Protezione Civile un'organizzazione che soccorre i cittadini nelle situazioni di gravi sciagure) per sovvenzionare un'opera (quella della ricostruzione) che rientra nelle competenze del bilancio dello Stato e che necessita di investimenti ben più massicci e duraturi. Siamo d'accordo che il volontariato è importante, utile e in certa misura necessario: basta che non diventi un alibi per "alleggerire" lo Stato (e la Politica) dai compiti e dagli oneri che sono suoi e per cui si giustifica la fiscalità generale.

Umberto Puccio


Condividi su Facebook

Segnala su Twitter

EVENTUALI COMMENTI
lettere@arengario.net

Commenti anonimi non saranno pubblicati


in su pagina precedente

  25 settembre 2017