prima pagina lente pagina precedente



REALTÀ VIRTUALE
Realtà virtuale e progettazione
Tania Marinoni


Nella progettazione di macchine e in quella architettonica la realtà virtuale ha introdotto due importanti innovazioni, che permettono di conseguire un significativo risparmio di risorse e di tempo: la sperimentazione di ambienti prima della loro realizzazione e la predisposizione di prototipi in campo ingegneristico. Grazie ai nuovi strumenti, il professionista può valutare direttamente la qualità del suo elaborato, provando la sensazione di muoversi nell'ambiente ideato, come se fosse già costruito. A breve potrà anche agire immediatamente sul progetto, apportando, con un semplice gesto, importanti cambiamenti, quali lo spostamento di un tramezzo, oppure modifiche relative all'arredo, o all'illuminazione. La rivoluzione tecnologica accompagna l'intero processo di progettazione fino alla presentazione del prodotto finale al cliente, che può “visitare” il suo nuovo spazio e proporre modifiche. Tra gli strumenti messi a disposizione dalla VR alcuni si dimostrano particolarmente validi a supportare la fase di studio, e dunque ad assistere il professionista nella sua attività, altri risultano invece maggiormente orientati a quella di vendita, quindi adatti ad illustrare il prodotto all'acquirente. Per entrambe le fasi indichiamo di seguito qualche esempio delle soluzioni apparse recentemente sul mercato.

Il progetto ideato con ArchiCAD appare in 3D e può essere sperimentato attraverso il dispositivo Oculus Rift: grazie a Arch Virtual si possono così esplorare in tempo reale i progetti creati.
La piattaforma Realtor.com, con le sue due nuove applicazioni per Android, sta introducendo in ambito immobiliare importanti cambiamenti alla fase di vendita.
Partendo da una mappa disponibile sullo smartphone, Street Peek mostra al cliente i dettagli dell'abitazione su cui sta puntando il cursore e Sign Snap rende visibile il contesto nel quale sorge l'edificio.
Ma non solo spazi domestici possono essere “esplorati” prima della loro realizzazione. L'applicazione Operating Room Environment, sviluppata da Arch Virtual con Unity 5, riproduce fedelmente, grazie a fotografie e a modelli reali, l'ambiente sterile della sala operatoria.

Lo scorso dicembre, durante il Codemotion Milan 2016, è stata presentata Ambiens VR, la start up fondata un anno fa da Ennio Pirolo e Veronica Vecci. Due elementi di fondamentale importanza compongono la piattaforma: il portale, necessario per ricevere dai professionisti gli elaborati, e la app che, attraverso il visore, oppure in modalità 360° a tutto schermo, permette di interagire con lo spazio. Grazie ai rendering immersivi e navigabili, i clienti potranno compiere tour all'interno di show-room o delle future abitazioni, oltre a proporre soluzioni spaziali, scelte cromatiche e di arredamento.

Si chiama Eyecad il nuovo strumento sviluppato per l'architettura e per l'interior design, che consente di creare percorsi interattivi e di ideare ambientazioni suggestive con una resa immediata. La scena si configura con un'ambientazione HDRI (high dynamic range imaging), che recepisce le variazioni di illuminazione nelle diverse ore della giornata e interviene, quando necessario, anche con un sistema di luci artificiali regolabili


La VR ha certamente cambiato le modalità di concepire la progettazione, ma la sua azione innovativa non si esaurisce qui. Ha introdotto, infatti, importanti cambiamenti anche nella predisposizione di prototitpi: una fase, questa, indispensabile per valutare la qualità di un prodotto prima della sua introduzione nel mercato. Nel settore automobilistico, ad esempio, la realizzazione di modelli fisici ha richiesto da sempre grandi spazi, tempo e risorse da dedicare a questo delicato appuntamento con la verifica di quanto in precedenza sviluppato, con una componentistica infinita da tenere in considerazione e mesi e mesi di lavoro. Grazie ai nuovi dispositivi di realtà virtuale è possibile provare la validità di soluzioni progettuali prima che queste siano attuate.
Alla simulazione e all'analisi del design per macchine agricole il gruppo industriale italo-statunitense CNH dedica un intero team che analizza aspetti quali l'ergonomia, la dinamica del veicolo e la resistenza agli urti.

La VR è destinata a rivoluzionare la progettazione nelle sue fasi principali e nell'attività degli attori coinvolti in questo complesso processo. Ma quali sono i principali cambiamenti riscontrabili nel processo che conduce un'idea alla sua realizzazione? Adrian Bridgwater, giornalista ed esperto di tecnologia, risponde a questo importante quesito in alcuni punti chiave, che definiscono come i nuovi strumenti stanno trasformando radicalmente l'attività dei professionisti e ampliando le possibilità di conoscenza da parte degli acquirenti. Ciò che viene prima di tutto rivoluzionato è, secondo Bridgwater, l'essenza stessa dell'attività del professionista, che risulta non più totalmente dipendente dalla capacità astrattiva. La visualizzazione supera, infatti, la concettualizzazione grazie alla tangibilità del prodotto prima ancora della sua realizzazione. Importanti cambiamenti interessano anche le modalità di lavorare in gruppo da parte degli specialisti: figure differenti possono collaborare, costituendo un team, pur non condividendo lo stesso luogo di lavoro.
Il ciclo della progettazione diventa più dinamico, consentendo al cliente di intervenire nella fase di verifica esercitata sul prototipo: l'acquirente, esaminando i modelli virtuali, propone le modifiche che ritiene necessarie.

Ma la VR, così come la AR (Realtà aumentata), sta rivoluzionando anche la gestione dell'informazione da parte dell'utente. Il cliente acquisisce quella “prontezza” del tutto inedita rispetto al prodotto che il designer realizzerà al termine del processo, e diventa per i professionisti una figura rilevante, con cui interfacciarsi nella fase finale del lavoro.

Tania Marinoni

REALTÀ VIRTUALE
GLI ARTICOLI FINORA PUBBLICATI
Tutto quello che vorreste sapere sulla realtÓ virtualeů
Le user interface della realtÓ virtuale
RealtÓ aumentata e fenomeno PokÚmon Go
RealtÓ virtuale e medicina
RealtÓ virtuale e apprendimento
RealtÓ virtuale e progettazione
E QUELLI IN PROGRAMMA
RealtÓ virtuale e cinema
RealtÓ virtuale e videogiochi
RealtÓ virtuale e parchi divertimento

Condividi su Facebook
Segnala su Twitter


EVENTUALI COMMENTI
lettere@arengario.net

Commenti anonimi non saranno pubblicati


in su pagina precedente

  7 giugno 2017