prima pagina pagina precedente




sulla stampa
29 ottobre 2017

L'F35 italiano vola, ma nessuno ne parla:
«Hanno paura di perdere voti»
Marco Nese sul Corriere della Sera



NEONAZI

Invece di pubblicizzarla come un successo della tecnologia italiana, la notizia è stata tenuta nascosta. È successo martedì scorso, 24 ottobre. Il primo F-35B, aereo a decollo corto e atterraggio verticale, interamente costruito nella base di Cameri, a nordest di Novara, ha compiuto un volo di collaudo. Il pilota è rimasto ai comandi più di un'ora seguendo una scaletta prestabilita di prove tecniche. 
Dalla Difesa, nessuna comunicazione e niente presenza della stampa. «Quasi ci vergogniamo - si rammarica Vincenzo Camporini, ex capo delle Forze armate e attuale consigliere Nato -. In altri Paesi per un evento del genere si scomodano capi di Stato e primi ministri».

Mantenere il silenzio, secondo Dino Tricarico, ex capo di stato maggiore dell'Aeronautica, «è una scelta stravagante che si spiega solo col fatto che siamo in campagna elettorale: meglio non parlare di F-35, argomento divisivo che crea polemiche. Si vuole evitare di toccare questo tasto, perché l'F-35 fa perdere voti». 

A Cameri l'Aeronautica italiana ha creato uno stabilimento, vero gioiello tecnologico, che ha convinto gli americani a concedere al nostro Paese, unico caso fuori dagli Stati Uniti, la possibilità di costruire i cassoni alari, i contenitori del motore, e assemblare gli interi velivoli F-35. 
Inizialmente l'Italia aveva prenotato 131 caccia F-35 per un costo totale stimato attorno ai 12,9 miliardi di dollari. In seguito alle polemiche per la spesa elevata, si è deciso di ridurre a 90 l'acquisto degli F-35 Lightning (fulmine), un caccia di quinta generazione, concepito in modo da essere invisibile ai radar e operare in rete con altri sistemi d'arma. I 90 presi dall'Italia (60 nella versione a decollo normale e 30 a decollo verticale) serviranno a rimpiazzare i cacciabombardieri Tornado e Amx dell'Aeronautica e gli Harrier della Marina.


  29 ottobre 2017