prima pagina pagina precedente indice




Befana 2011
Un viaggio negli hotel d'epoca al Parco di Monza



Albergo ristorante Sport

Oggi, nel giorno della Befana 2011, forse per desiderio di viaggiare, ho pensato di presentarvi alcune cartoline degli alberghi agli ingressi della Villa e del Parco. Doveva essere una attrazione dato che tra i maggiori e più noti alberghi vi erano quelli di fronte all'ingresso della Villa e del Parco. Anche quelli in Città, nel centro, testimoniano di una frequentazione intensa di viaggiatori italiani e stranieri a Monza, per lavoro, turismo e altro; in treno, in tram o in automobile. Molte erano anche le pensioni o semplicemente gli affittacamere, come nel caso del Bresci che venne a Monza per uccidere il Re e che pernottò in via Cairoli. Si polemizza sulla presenza di utilizzi ricettivi connessi alla Villa, ma non è problema superficiale. Già con le esposizioni degli anni Trenta funzionava nella Villa la ristorazione e non poteva essere altrimenti in presenza di manifestazioni che avevano anche carattere internazionale.
Le cartoline testimoniano spesso in particolare di stranieri che si fermano o visitano Monza.

Una prima cartolina illustra L'Albergo Ristorante Sport, che potrebbe essere quello alla Porta di Villasanta, ma altri lo localizzano in frazione S.Lorenzo a Sud del centro storico. I proprietari, come si legge, sono Fornasetti Preti & C. L'edificio è di nobile fattura ottocentesca col timpano decorato e l'altana-torretta, anche se scoperta, sul tetto. La tipologia dell'edificio farebbe ritenere che sia nato come villa. Nella scritta si precisa che l'Albergo è dotato di garage e lo stemma del Reale Automobile Club di Milano fa bella mostra all'ingresso, ma anche di telefono (n. 218). La scritta precisa anche: Regio Parco-Monza. Dalle mappe del catasto cessato d'epoca risulterebbe una slargo semicircolare all'ingresso de Parco, poi sparito. Misteri della negoziazione imperante anche oggi a Monza.

A testimoniare l'ottimo servizio il personale e forse il proprietario (il signore davanti a gambe larghe con le mani dietro la schiena o quello in alto alla finestra) sono tutti in posa per la foto, donne sui balconi, uomini coi tavolini all'ingresso, tutti in elegante tenuta.
La cartolina ci dice che la proprietà gestisce anche il Ristorante Birreria Orologio a Piazza del Mercato (oggi piazza Trento e Trieste) ed il numero telefonico 133 mostra che questo era più antico. La piazza a suo tempo era molto viva e piena di ristoranti e locande, vedasi ad esempio “La trattoria dell'Angelo” ma ne ho altre piacevoli che lo dimostrano.
Una signora affettuosa manda nel 1907 saluti alla sorella, M.lle Chaterine in Costa Azzurra a Cabbè Roquebrune. La cartolina di Monza, dimenticata probabilmente in borsa o in valigia, è spedita da Mentone.

Hotel Restaurant Real Parco

All'altro ingresso del Parco a Monza, in viale Brianza, vi era l'Hotel Restaurant del Real Parco di cui abbiamo già parlato, (Hotel Real Parco 1905) mettiamo comunque un'altra cartolina simile, “viaggiata” nel 1902, dove Giuseppe, come amico, scrive all'Egreggio (sic) Signorino Guido a Como.

Hotel Savoia

All'ingresso della Villa vi era il Ristorante Eden, Hotel Savoia, interamente modificato e oggi Hotel de la Ville: il signor Peppino invia saluti nel 1911 alla signora Rosetta e a tutti, proprio tutti dato che quasi li elenca, a Milano.
L'ingresso è sempre d'angolo come oggi e le facciate sono piacevoli e decorate. Su viale Brianza, dove poi passeranno i Tram Imperiali, che abbiamo già mostrato (Tram Imperiale al Real Parco) scorrono tra i filari di platani due carrozze.

Oggi siamo ancora in attesa di sapere cosa si farà della Villa, importante che il destino sia pubblico e non privato come lascia intendere il bando della vergogna di una Regione che, con altrettanta vergogna, aveva cercato di impedire di fare il PRG e poi il PGT di Monza: a favore di chi? Tutto vero, posso testimoniare e raccontare, appena posso ne scrivo un libretto.

Alfredo Viganò


cartolina precedente

  6 gennaio 2011